I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


mercoledì 31 maggio 2017

Stagioni ed un bellissimo libro


Pochi giorni fa ho finito di leggere I luoghi infedeli della scrittrice irlandese-americana Tana French. Ne parlerò in un prossimo post, ma avverto subito che per me, la cosa sarà piuttosto difficile: nel caso di un romanzo appassionante come quello, bisogna svelare anche il finale. Il che può togliere il gusto della suspence.
Ma dato che I luoghi infedeli è molto più di un thriller, la conoscenza appunto del finale non rovinerebbe il gusto della lettura.
Comunque, nel post non lo troverete, il famigerato!
Quel che nel libro mi ha colpito in modo particolare, è l'attenzione da lei prestata alla psicologia dei personaggi, all'insieme (spesso contraddittorio) delle loro emozioni, dei loro sentimenti e dei loro sogni.
L'analisi della French è molto profonda e partecipe: lei dimostra forte simpatia, anche amore per i suoi personaggi e nello stesso tempo, soffre con loro. In questo, per me si trova sulla linea di Dostoevskij.
Ma di tutto questo parlerò un'altra volta.
Bene, l'estate si avvicina e con lei anche i libri che molti/e si porteranno sotto l'ombrellone.
Io non me ne porterò nessuno, perché al mare preferisco giocare, prendere il sole e nuotare... o almeno, fingere di farlo.
Comunque se vorrete farmi sapere che cosa leggerete voi al mare, gradirò l'informazione.
L'estate è anche il periodo dei tormentoni musicali. Be', quelli, data l'eccessiva orecchiabilità, non li reggo. Però ho sentito un pezzo di Gabbani che mi sembra interessante e data la stagione, anche fresco.
Vicino a casa mia c'è un colle (quello di S. Michele) che di notte rimbomba di musica; anche di bel rock, che è la mia musica preferita.
Qualcuno si lamenta per il volume della musica, e con simpatica gergalità cagliaritana, dice che dopo mezzanotte: “E' ora di basta!
Certo, l'eccessivo volume può essere un problema per chi la mattina dopo deve andare a lavorare o comunque, vuol riposare.
Ma c'è anche chi dice che la gente, di notte, vuol divertirsi. E se si diverte, spende. E se spende, fa girare l'economia.
Certo, c'è anche il rischio che i troppi decibel facciano girare qualcos'altro. Lo so.
Vabbe'.
Ma a proposito di stagioni, io all'estate associo proprio l'idea di musica.
All'inverno, quelle di cibo e di vino.
Alla primavera, quella delle passeggiate.
All'autunno... non saprei... qualcosa di più impalpabile e di decisamente insidioso, come la malinconia.
E voi a che cosa associate ogni singola stagione?

6 commenti:

  1. Ho ben chiaro a quale nuovo brano di Gabbani alludi :-))) Quanto ai libri sotto il sole, non so ne porterò in caso positivo ci ritroveremo qui per dirtelo :-)))

    RispondiElimina
  2. rif. Daniele Verzetti il Rockpoeta
    Sembra discreto, vero?
    Attendo (in attesa di passare sul tuo blog, scusa il ritardo, ma passerò presto!) informazioni sulle tue/vostre letture.
    Buona festa della Repubblica

    RispondiElimina
  3. All'estate associo le vacanze e il divertimento, all'autunno la malinconia, all'inverno il calore familiare e, alla primavera la luce che torna a splendere. Un caro saluto e, a presto. P.S. :sempre ottimi i tuoi suggerimenti di lettura.

    RispondiElimina
  4. rif. Sergente Elias
    Mi piacciono molto le tue associazioni.
    Penso che molti di noi, inoltre, condividano l'equazione autunno=malinconia... in effetti, sembra difficile che possa essere diversamente, mannaggia!
    Grazie per aver apprezzato il suggerimento di lettura; del resto, parlerò della French appena possibile.
    Salutone!

    RispondiElimina
  5. estate calura e lavoro fisico
    autunno colori mitezza e cibo
    inverno organizzazione e lavoro mentale
    primavera agitazione e stanchezza felice
    Buona estate sarda!

    RispondiElimina
  6. rif. alicemate
    Ottime associazioni, Maria!
    In effetti, forse è proprio la primavera, il tempo in cui raccogliamo i frutti di tutto l'anno.
    A me piace molto anche quella.
    Buona estate lombarda a te ed a presto!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.